CARTA STRACCIA in POLITIKA – Il blog di JURI Bossuto

TAV, RIMANE INEVASA LA QUESTIONE DEL RAPPORTO COSTI/BENEFICI DELL’OPERA

Scritto da juribossuto.it il 30 giugno 2008

Da un’attenta lettura del protocollo emerge che più che il via ad un tracciato il documento indichi le linee per uno studio per un eventuale nuovo progetto. Di certo non si può parlare di un avvio della Tav.

Quest’ultima fase dei lavori dell’Osservatorio ha l’impronta di un’operazione mediatica e non di un’attività volta a fare chiarezza sulle importanti questioni in gioco. Al di là dei toni trionfalistici di queste ore rimane infatti un grosso nodo non risolto dall’Osservatorio: stabilire attraverso il rapporto costi/benefici quale sia la vera utilità di un’opera come questa. Certo è curioso il prendere atto di come si sia partiti da un unico dato - quello di dover fare la Tav a prescindere.

Le dichiarazioni del ministro Matteoli, che ora promette più treni ai pendolari con lo scopo di persuadere i comuni, aprono ad un’ipotesi inquietante: ossia che si contrabbandino diritti e buoni servizi in cambio di adesioni inizialmente forzate e che si possa mettere in discussione un’opera impegnativa di mediazione sul territorio paragonandola di fatto ad un enorme cavallo di Troia che entra festeggiato nelle mura degli assediati.

Rimangono quindi tutte le perplessità in merito all’opera e al percorso ultimo attuato.

Lascia un Commento

XHTML: Puoi usare i questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 

Bad Behavior has blocked 309 access attempts in the last 7 days.

Usiamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione nel nostro sito web.
Ok