CARTA STRACCIA in POLITIKA – Il blog di JURI Bossuto

Tagli al Regio: tutelare precari, arte, e ridurre sprechi.

Scritto da juribossuto.it il 13 luglio 2009

BOSSUTO (PRC): TAGLI AL REGIO, NON DEVONO PAGARE I PRECARI – RIDURRE LE ESTERNALIZZAZIONI E I GRANDI ALLESTIMENTI

“Il Sovrintendente del Teatro regio Regio Walter Vergnano - sottolinea Juri Bossuto, Consigliere regionale del Prc - ha lanciato ieri il giusto Sos “Salvate il teatro Regio dai tagli di Bondi”. La situazione era nota da tempo e il nostro gruppo aveva presentato diversi ordini del giorno già alla fine del 2008 per segnalare l’insensatezza dei tagli al Fondo Unico per lo Spettacolo. Degradare il Regio sarebbe commettere un delitto alla cultura, così come la scelta governativa di puntare tutto sulla Scala di Milano è una prospettiva di una miopia unica”.

“Mi auguro però – continua il consigliere – che i tagli previsti non vadano, come sempre accade, a cadere sulla testa dei lavoratori precari. La stabilizzazione degli stessi, ed il mantenimento degli attuali posti di lavoro, sono le priorità assolute, ed essenziali, che devono essere garantite da Stato ed enti pubblici”.

“Ritengo - continua ancora Bossuto - che si possano operare una serie di risparmi invece limitando di molto la politica delle esternalizzazioni che oggi più che mai manifesta la propria oggettiva debolezza. Si potrebbero ad esempio invertire la rotta internalizzando i lavori, sia per la manutenzioni sia per la gestione di spettacoli esterni”.

“Credo inoltre, come sottolineato anche dai sindacati, che programmare le stagioni teatrali con grandi allestimenti, non abbia favorito un aumento della produzione e quindi della produttività interna. Infatti, allestimenti faraonici, non solo sono troppo costosi, ma impediscono un aumento della produttività del palcoscenico. Inoltre si possono sfruttare al meglio i ricchi magazzini scenici che il regio possiede”.

“Infine, pur riconoscendo l’attività didattica che il teatro svolge in particolare sul programma scuole, mi pare che il teatro debba farsi promotore di iniziative destinate in particolar modo agli istituti scolastici, alle università della terza età o alle famiglie in fascia debole promuovendo produzioni a prezzi più popolari, magari utilizzando un’altra struttura (Palasport o altro)”.

Lascia un Commento

XHTML: Puoi usare i questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 

Bad Behavior has blocked 246 access attempts in the last 7 days.

Usiamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione nel nostro sito web.
Ok