CARTA STRACCIA in POLITIKA – Il blog di JURI Bossuto

Libera espressione per xenofobi e neofascisti, bavaglio alle realtà vivaci di aggregazione sociale e solidale.

Scritto da juribossuto.it il 26 ottobre 2009

Alla prima tensione, qualsiasi sia la causa, la prima cosa chiesta dalla destra è la chiusura dei centri sociali. Il Sindaco ha, purtroppo, per l´ennesima volta, ribadito di appoggiare l´eventuale decisione del Viminale sullo sgombero e il via per questa operazione verrà rilasciata con grande gioia.

La scelta ci lascia per lo meno perplessi se pensiamo al giro di vite che invece non viene mai applicato a manifestazioni chiaramente di stampo xenofobo e fascista, che quotidianamente si moltiplicano. E nessuno si è mai posto problemi dinnanzi a senatori, ministri o deputati (o consiglieri comunali) che invocano l´uso delle armi (o brandiscono cinghie) contro, di volta in volta, la giustizia “rossa”, le politiche migratorie, ecc… O quando si decide di piazzare un gazebo per condannare un´azione umanitaria (ovvero l´istituzione di un ambulatorio medico per migranti) che dovrebbe essere garantita dalle istituzioni di ogni colore.
Quello che si decide invece è tentare di mettere un grave e pericoloso bavaglio su realtà vivaci di aggregazione sociale, che fanno della solidarietà e dei valori antifascisti la loro azione caratterizzante.

Un Commento a “Libera espressione per xenofobi e neofascisti, bavaglio alle realtà vivaci di aggregazione sociale e solidale.”


  1. Filippo Scrive:

    che vergogna!!! E’ ora di finirla con questo buonismo verso razzisti e neofascisti! il silenzio è complicità, il sostegno è peggio!

Lascia un Commento

XHTML: Puoi usare i questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 

Bad Behavior has blocked 179 access attempts in the last 7 days.

Usiamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione nel nostro sito web.
Ok