CARTA STRACCIA in POLITIKA – Il blog di JURI Bossuto

Lettera a “La Repubblica”: tra disattenzione e populismo spregiudicato svanisce la libertà di opinione.

Scritto da juribossuto.it il 23 novembre 2009

Avendo letto e condiviso in gran parte il servizio apparso su “la Repubblica”, a firma Massimo Novelli, ritengo opportuno un contributo personale al dibattito.   Ho rispettato un periodo di silenzio prima di esprimermi in merito alla recente polemica che, dopo i fatti avvenuti presso la sede locale della PDL, avvolge ancor più centri sociali e movimenti, studenteschi o no TAV essi siano.

Un silenzio dedicato al far placare animi ed intemperanze, nonché all’osservazione di ciò che accadeva nell’opinione pubblica collettiva mentre si aggiungeva, al quadro già di suo disastroso, il commissariamento politico del PD in Valle Susa. Oggi posso affermare che quel che leggo ed osservo allarma la mia mente e le mie attenzioni politiche, poiché sono certo che quella a cui assistiamo rientra nella pericolosa demonizzazione, trasversale, di ogni movimento o realtà non allineata, una demonizzazione che salva solo le aggregazioni della destra estrema le quali hanno dignità piena ed assoluta, per le nostre democratiche istituzioni, di espressione ed occupazione degli spazi cittadini. 

E’ chiaro il lavoro lento, ma inesorabile, diretto a screditare tutto e tutti coloro che si muovono per denunciare opere assolutamente inutili ed immorali, quali la Tav, o riforme assassine per cultura e sapere oltre che per il lavoro come la presunta riforma scolastica ed universitaria. E’ altresì chiaro l’agire assolutamente trasversale, ribadisco, in moto su tale direzione: agire avente l’obiettivo liberticida di zittire tutto quello che disturba il manovratore.  Con questo non mi sottraggo alla critica verso chi provoca ed, al contempo, verso chi cade nelle provocazioni; ed anche nei confronti chi crea, ad arte, climi da caccia alle streghe, vedi alcuni onorevoli legati all’ex area AN, ed a chi rischia di avallarli con atti a volte un po’ troppo emotivi e frutto spesso di trappoline ben congeniate. 

La Libertà, quella vera, nasce da drammi e sacrifici umani: fatiche immense per conquistarla, ma in Italia rischiamo di perderla, seppur senza averla conosciuta appieno, tra atti di disattenzione generale e populismo spregiudicato.  

Lascia un Commento

XHTML: Puoi usare i questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 

Bad Behavior has blocked 244 access attempts in the last 7 days.

Usiamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione nel nostro sito web.
Ok