CARTA STRACCIA in POLITIKA – Il blog di JURI Bossuto

IN RICORDO DI EROS RICOTTI. PARTIGIANO

Scritto da juribossuto.it il 23 aprile 2012

[E’ molto difficile per me prendere parola oggi. E’ difficile per il carico di emozione che mi stringe la gola, è difficile per la rabbia di parlare qui di Eros e non poter invece parlare con lui su qualche piazza il giorno della Liberazione.]

Mi pare giusto citare Guevara, Eros apparteneva all’associazione Italia - Cuba, quando affermava che chi lotta per una vita intera è imprescindibile. La scelta di mettere la propria vita al servizio della collettività, della Libertà, della difesa dei diritti e dell’antifascismo ha caratterizzato l’esistenza di Eros. Una vita coerente in adesione ai principi che difendeva e spiegava, con infinita pazienza, a giovani e meno giovani.

Partigiano della primissima ora, Eros ha continuato la sua lotta per la Libertà anche dopo il 1945, aderendo prima al PCI e poi, sin dalla sua nascita, a Rifondazione Comunista. La sua presenza nel partito si è sempre contraddistinta da una militanza seria, umile e continua. Una militanza non dovuta al voler accaparrare una sedia, ma animata esclusivamente dal forte desiderio di portare davvero questa società ad approdare verso il Sole dell’Avvenire.

Non ha mai chiesto niente per se, niente per la sua famiglia, mettendo la sua tenacia a disposizione della cosa pubblica in maniera disinteressata e pura. Un esempio che va rimarcato più che mai oggi, ossia negli anni in cui il fare politica si unisce a vocaboli quali affari, clientelismo, narcisismo, interesse privato.

In Rifondazione Eros ha unito i temi politici con il territorio (il suo) facendosi interprete della voglia diffusa di partecipazione degli anni 70 sino a prendere parte attiva alla creazione dei primi comitati di quartiere ed, in seguito, a quella delle circoscrizioni cittadine.

La sua passione, la sua tenacia è così approdata anche nell’assemblea circoscrizionale dove ha intrapreso altre  nuove battaglie in difesa del territorio e dei valori della Resistenza.

Nel circolo di Santa Rita ha ricoperto il ruolo di tesoriere, ossia di colui che persegue la complessa via dell’autofinanziamento mettendo a disposizione dei militanti il proprio essere integerrimo e la sua autorevolezza. Ha curato la creazione e la redazione del periodico “Qualcosa di Sinistra”, ha sostenuto l’associazione Due Piazze e Rosa Luxemburg.

Eros ha sempre rappresentato la politica di chi ha ben presente cosa voglia dire conquistare la Democrazia con le armi in pugno. Eros ha avuto ben chiaro cosa voglia dire approdare alla Libertà e difenderla consegnandosi, per giungerci, al sacrificio ed alla sofferenza. La sua formazione politica non lo ha mai fatto cadere in ambiguità o personalismi, era un Uomo al servizio dell’idea, del popolo e di Torino.

Il ricordo che ho di lui lo lega alla cartella, in cui si trovava l’essenza delle mille iniziative che sempre aveva in corso, ed alla sua auto con cui percorreva per lungo e per largo il quartiere e la Città. Ma ancor più se penso ad Eros la prima immagine che mi viene in mente è il suo sguardo solare, il sorriso, il guardare sempre al futuro, il saper parlare ai giovani, il non legarsi a stereotipi o rigidità e cordate varie.

Eros era un animo libero, proprio come la sintesi della sua esistenza, impossibile da ingabbiare in retoriche di partito o di appartenenza. Non rinunciava mai a dire la sua, anche quando poteva essere scomodo farlo, animato da voglia di costruire, di dare nuova ninfa e nuova energia. Mai era animato da voglie distruttive o devastanti.

Non l’ho mai sentito fare ragionanti di comodo o convenienza. Molti direbbero che era radicale nelle sue affermazioni, ma in realtà era lucido ed attento a quanto capitava intorno a lui, maturando una coscienza critica orientata ad una rinascita della Sinistra e non certo avviata verso chissà quale reazione di rabbia. La sua indignazione sembrava alimentare la sua forza, dare efficacia ulteriore alle sue parole, avvicinarlo alle ragioni dei giovani. Con il passare degli anni faceva l’esatto opposto  di molti suoi coetanei: non si chiudeva in sé o nelle sue sofferenze (non l’abbiamo mai sentito una volta lamentarsi)  bensì lavorava per spiegare alle nuove generazioni il prezzo della Democrazia, per costruire il partito e per dare impulso al lavoro della Circoscrizione.

Instancabile, l’ho incontrato indaffarato e di corsa solo qualche settimana fa, è riuscito a portare a buon fine l’intitolazione di due vie adiacenti alla scuola Antonelli a partigiani (nel 2008 a Lanfranco ed i fratelli Carando) sostenendo le manifestazioni del 25 aprile negli anni.

[La sua dedizione alle idee, la sua visione di partito quale strumento per raggiungere obiettivi sociali, la sua cultura politica ha fatto si che si dimettesse dalla Circoscrizione, insieme  al compagno Garbin, per fare entrare me in quella sede: investendo così politicamente in un nuovo quadro da sostenere nell’ottica di modificare lo scenario politico in quartiere. Era costantemente pronto a farsi da parte a favore di un giovane da formare. ]

Con lui la battuta era pronta. Un compagno che anche con ironia volgeva il suo sguardo su quella realtà che Gramsci ci ha insegnato a tenere sempre sott’occhio.

Chi lotta per una vita è imprescindibile, chi consegna il suo insegnamento ad altri è imprescindibile. Eros oggi verrà via da qui con noi. Sarà con noi il 25 aprile, sarà con noi ogni volta che saremo colti da incertezza o quando staremo avviando nuove lotte.

Con il suo esempio ed i suoi insegnamenti Eros continuerà a sostenere la sua grande battaglia. Senza retorica, senza intolleranza, senza ipocrisia.

Grazie Eros. Ti abbracciamo compagno, ti siamo grati per quello che hai fatto e che continuerai a fare per un mondo libero e migliore!!

Lascia un Commento

XHTML: Puoi usare i questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 

Bad Behavior has blocked 111 access attempts in the last 7 days.

Usiamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione nel nostro sito web.
Ok