Ieri a Torino una moltitudine di manifestanti sfilavano per le vie cittadine sotto le bandiere No Tav. Contemporaneamente tantissimi altri manifestavano a Chiomonte ed in molte altre piazze d’Italia. Bello vedere tanta gente ribadire il proprio non sottostare alle fandonie di questo terribile potere- melassa rancida. Triste invece prendere atto dei media nostrani: a fianco delle piazze che vanno a fuoco a Kiev, ma iper critiche verso le nostre quando sono piene di gente pacifica e soprattutto libera. Così diventa legittimo invadere il parlamento ucraino con croci e manganelli a seguito ed ignobile scrivere sui muri della città. Siamo al paradosso puro…….  all’ipocrisia di un sistema Europa troppo simile ad una dittatura globale.