CARTA STRACCIA in POLITIKA – Il blog di JURI Bossuto

Praticamente CARTA STRACCIA: drone abbattuto da contadino americano e Sanders (socialista) alle presidenziali USA!!!

Scritto da juribossuto.it il 22 gennaio 2016

PRATICAMENTE CARTA STRACCIA
(19 gennaio 2016)
NONA RASSEGNA stampa (Indipendente) di “Praticamente” (Torinow, canale 18 e 199).
Le notizie commentate martedì sera sono state tantissime, al punto di “occupare” l’intera prima mezz’ora della trasmissione. Alcune le ripresentiamo qui, in una breve sintesi che racchiude quelle più “incredibili”.

Apriamo la rassegna stampa “indipendente” con Diego Molino che, su La Stampa, fa il punto in merito alla disastrata Piazza Castello: “Rotte e sprofondate in più punti è lo stato in cui versano le fontane di Piazza Castello (…) La spesa complessiva per tutti i lavori si aggira intorno ai 50.000 €”. La piazza progettata, nella sua ristrutturazione recente, per ospitare i grandi eventi in sostituzione di piazza San Carlo, non ha retto ai grandi venti stessi: la pavimentazione non ha sopportato il “peso della cultura di piazza” sino a sgretolarsi vergognosamente. Dopo un rifacimenti di settori del lastricato, ora è la volta delle fontane: un restauro che forse andrebbe addebitato a chi ha responsabilità in merito.

Cambiando argomento, sempre su La Stampa, la giornalista Francesca Paci da Parigi intervista il regista Ali Ahmad Said Isbir. Esplicito il titolo dell’intervista: “Adonis - Il velo sulle donne è un velo sulla ragione”. Nella lunga intervista il poeta siriano risponde alle domande dei lettori del quotidiano torinese, analizzando sia i fatti di Colonia che le cause del terrorismo islamico. In chiusura Adonis chiosa: “Dentro lo Stato islamico non ci sono solo ignoranti. Il problema è la separazione tra società, Stato e religione. La religione deve essere un’esperienza individuale. L’antidoto allo strapotere della religione è immunizzare la società con la cultura, la scienza e l’educazione. Poi chi vuole preghi pure”.

Andando sugli esteri, sempre da La Stampa apprendiamo il gesto eroico di un contadino. Il giornalista da New York intitola: “Un contadino abbatte un drone. Gli USA litigano sulla privacy del cielo”. Continua l’occhiello: “Sorvolava il suo giardino, gli ha sparato. Denunciato dal proprietario. Un giudice dovrà stabilire a chi appartiene un spazio sopra casa”. Sono 700 mila i droni venduti solo durante l’anno scorso negli Stati Uniti. Sorge così il problema giuridico di comprendere fino dove si estende in altezza il diritto proprietà individuale.

Sempre dagli USA apprendiamo che la Hillary Clinton deve combattere contro un avversario temibile a sinistra: la vittoria delle primarie, per la First lady, sembra allontanarsi. Da New York Paolo Mastrolilli scrive: “L’incredibile cavalcata di Sanders, il socialista che fa tremare Hillary. Sander, narra l’inviato, da giovane era già socialista e non ha mai negato la sua giovanile scelta ideale. Sanders ha sempre alzato la voce per le cause liberel, con uno sguardo sul mondo da socialista e facendo opposizione contro la guerra in Iraq. La sua candidatura era considerata una sorta di punizione per i miliardari colpevoli della crisi economica del 2008, ma ora un’onda incredibile di consensi, quanto imprevista, sta rischiando di farlo vincere alle primarie.

Ancora dalla pagine de La Stampa del 14 gennaio, apprendiamo che i Forestali ormai diventano Carabinieri, Poliziotti e Vigili del fuoco. Peccato che la “Schiforma” (termine usato sovente sulle prime pagine de Il Fatto) non spieghi chi, d’ora in avanti, vigilerà sul nostro patrimonio boschivo e naturalistico, forse i boy scout (ai posteri l’ardua sentenza).

Tornando a Torino città, sono due i titoli davvero divertenti. Quello de La Stampa del 15 gennaio: “Banche e MIUR salvano Librolandia”.Segue quello di La Repubblica del giorno dopo, che va invece decisamente in senso contrario: “Nessun salvataggio. Con banche e MIUR il Salone del Libro ha nuovi orizzonti”. L’idea è che per il Salone del libro sia giunta quasi l’ultima ora, tra nomine dal sapore politico e dimissioni forzose.

Ancora di libri tratta la rubrica Cultura società spettacoli, La Stampa, riferendosi al volume librario trovato nel covo di El Chapo (famosa star del narco traffico). Uno strano gioco del destino si nasconde nel titolo del testo letto dal super latitante al mmento del suo arresto: si tratta di “zero zero zero” il cui autore è Roberto Saviano. Senza mostrare la minima sorpresa, nell’apprendere chi fosse uno dei suoi lettori, Saviano dichiara: “Chiamateli criminali non analfabeti”. Conclude lo scrittore anti mafia: “Non sono le bestie descritte in tanti gialli americani”, riferendosi ai boss della droga.
Infine in “Lavoro in corso”, rubrica del quotidiano subalpino, si tratta delle Fonti di Vinadio: l’acqua “Sant’Anna punta su Usa e Cina” ed investe 50 milioni di Euro per modernizzare lo stabilimento. Lo stabilimento Sant’Anna produce 300.000 bottiglie l’ora, occupando 150 addetti, e punta di vendere un miliardo di bottiglie l’anno sui mercati internazionali. L’acqua, bene comune, rende assai.

Per questa settimana è tutto (o quasi). ARRIVEDERCI a MARTEDI’ 26 GENNAIO (ore 18,30 - 20,00) su Torinow. Ci vediamo con Massimo Tadorni (conduttore) e Diego Giacobbi (esperto in telefilm), oltre naturalmente il sottoscritto, Juri Bossuto.

Lascia un Commento

XHTML: Puoi usare i questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 

Bad Behavior has blocked 108 access attempts in the last 7 days.

Usiamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione nel nostro sito web.
Ok