CARTA STRACCIA in POLITIKA – Il blog di JURI Bossuto

Archivi per marzo, 2016

Poster del Duce dai vigili urbani a Torino, rifugiati prigionieri dei muri, Tav opera inutile…e molto altro….

Scritto da juribossuto.it il 20 marzo 2016

PRATICAMENTE CARTA STRACCIA

(15 MARZO 2016)

SEDICESIMA RASSEGNA stampa (Indipendente) di “Praticamente

(Torinow - canale 18 e 199).

Le notizie commentate martedì sera sono state tantissime. Alcune le ripresentiamo qui, in una breve sintesi che racchiude quelle più “incredibili” e stracciate

Anche questa settimana tornano le notizie più “stracciate” pubblicate dai quotidiani nei giorni scorsi. Iniziamo con gli Interni. Il Fatto Quotidiano ci alletta con una notizia che consegna un infinito orgoglio: “Colletti bianchi, solo 228 detenuti per reati finanziari contro i 6271 della Germania. Finalmente primi in Europa: per corrotti e truffatori impuniti”. Un record davvero invidiabile.

A seguire uno sguardo verso Milano dove la candidata sindaca Bedori (M5S) si ritira dalla competizione elettorale: “Movimento 5 Stelle nel caos a Milano. Contestata dai militanti dopo il gelo di Casaleggio, la candidata paga alcune frasi di Sinistra su moschee e rom. In rete la delusione dei suoi sostenitori - stiamo virando a destra”.

Proseguiamo con notizie dagli Interni, prestando attenzione ad un articolo dal carattere sociologico. Alcuni programmi, trasmessi da reti digitali, ci hanno narrato di americani che vivono grazie ai coupon promozionali: ebbene, questo strano fenomeno pare abbia preso piede anche in Italia. La Stampa scrive: “Slalom tra coupon e promozioni - così guadagno facendo la spesa -. Anche le vacanze sono gratis per la famiglia di una casalinga di Biella”. Valeria Zanelli, questo il nome della casalinga, risparmia fino al 70% sulla spesa e in più ha vinto ben 20 pernottamenti tramite concorsi.

Un’occhiata al Vaticano: “La riforma di eccessi e la scarsa trasparenza sui costi erano emersi proprio con le rivelazioni dell’inchiesta Vatileaks sugli scandali nei sacri palazzi. La scure di Papa Francesco sulla fabbrica dei santi: basta spese fuori controllo”.

In merito agli Esteri tutta l’informazione, o presunta tale, è incentrata sulle ondate migratorie di chi fugge dalle guerre (scatenate da noi europei). Una breve carrellata “stracciata” vi verrà offerta ora. Da La Stampa del 9 marzo: “La Slovenia blocca i migranti, la rotta balcanica è chiusa. E la Serbia blinda le frontiere con Bulgaria e Macedonia: non siamo un campo profughi”. E poi ancora da La Repubblica del 13 marzo: “La Grecia spinge i rifugiati in Albania. 2000 siriani condotti con gli autobus del governo verso il campo di Konitsa”. Infine da Il Corriere della Sera una foto correlata ad una notizia assai triste: “Tre afghani morti annegati. La traversata del fiume per entrare in Macedonia”.

Infine due notizie “stracciate” di carattere locale. Il Fatto Quotidiano del 9 marzo intitola: “Alta voracità, mentre i movimenti protestano a Venezia ennesima firma del protocollo  tra i due Paesi. Tav, Roma e Parigi danno l’okay all’opera più inutile di sempre”. Infine vigili nostalgici, del Ventennio, a Torino. Da La Repubblica dell’11 marzo: “Il poster del Duce negli uffici dei vigili urbani, presto le sanzioni”. In realtà oltre al calendario di Mussolini nell’ufficio, in questione, è stato appeso anche un poster di Forza Nuova. Ricordavamo i vigili urbani vicino alla gente e di matrice più popolare che repressiva: evidentemente questa generazione di poliziotti urbani, arruolata tra ex volontari dell’esercito, ha matrici molto diverse da quelle del passato.

Per questa settimana è tutto (o quasi).

ARRIVEDERCI a MARTEDI’ 22 MARZO 2016 (ore 18,30 - 20,00) su Torinow. Ci vediamo con Massimo Tadorni (conduttore), Diego Giacobbi (esperto in telefilm), oltre naturalmente il sottoscritto, Juri Bossuto.

SIAMO ALLE ULTIME PUNTATE………..

Pubblicato in Senza categoria | Nessun commento »

Praticamente…Cracco cucina colombi, Renzi dichiara guerra alla Libia ospite dalla D’Urso ed i passeggeri in ritardo!!

Scritto da juribossuto.it il 14 marzo 2016

PRATICAMENTE CARTA STRACCIA

(08 MARZO 2016)

QUINDICESIMA RASSEGNA stampa (Indipendente) di “Praticamente

(Torinow - canale 18 e 199).

Le notizie commentate martedì sera sono state tantissime. Alcune le ripresentiamo qui, in una breve sintesi che racchiude quelle più “incredibili” e stracciate

Apriamo anche questa settimana la rassegna stampa indipendente. Notizie davvero “stracciate” portate alla vostra attenzione per un giudizio, oppure una conoscenza.

Iniziamo con alcune novità legate ai grandi Chef. La Repubblica del 4 marzo infatti intitola: “Il blitz vegano nel locale di Cracco, Chef assassino”. A Milano, nel suo locale vicino al Duomo, il noto cuoco Cracco ha subito un’incursione organizzata degli animalisti: era stato già in passato denunciato per aver cucinato un volatile. La legge protegge il piccione selvatico e Cracco, invece, lo ha cucinato davanti alle telecamere senza porsi alcun problema.

La cucina tiene banco anche a Torino tra i cosiddetti poveri (termine che pensavo legato all’800 negli ambienti delle madamine filantrope). Intitola infatti La Stampa: “L’iniziativa dei più deboli nata a Milano durante l’Expo. I poveri a lezione di Chef e il refettorio alla torinese”. Il progetto voluto da Bottura e dalla Caritas partirà entro 6 mesi, i “poveri” ringrazieranno di certo.

Ora un pizzico di interni “stracciati”. Da Il Corriere della Sera, di domenica 6 marzo, scopriamo che Renzi ha deciso di valutare alcune condizioni in merito all’intervento militare in Libia: condizioni che non ha esternato alla Camera, davanti ai Deputati, ma da Barbara D’Urso: “Il leader e l’assenza di condizioni per le truppe di terra. Il premier ne parlerà stasera in tv dalla D’Urso”. In questo caso ringraziano gli italiani.

Il caso ha tenuto banco, su tutti i quotidiani, per molti giorni: un’anziana signora mangiava a sbafo in alcuni ristoranti del savonese e poi se ne andava senza pagare. I primi titoli, a lei dedicati, erano molto duri e più o meno avevano questo taglio: “Mangia a sbafo la signora che imita la casta”. Poi qualcuno, improvvisamente, ha ritenuto doveroso approfondire il fatto e La Stampa del 6 marzo precisa: “Mangiavo a sbafo solo perché mi avevano bloccato la pensione. Savona, l’anziana dichiara - ho perso libretto delle Poste”. Di necessità virtù alla faccia dei giornalisti moralisti e dai titoli faciloni.

Velocemente un pò di esteri stracciatissimi. Iniziamo da una notizia che riguarda il figlio del premier turco: “Erdogan Junior. Studente a Bologna, lascio la città per motivi di sicurezza”. Stessa cosa consigliamo di fare ai turchi democratici che vivono in Turchia.

Abbiamo poi molte mappe stracciate. La cartina più intrigante è presa dalle pagine de Il Corriere della Sera ed indica alcuni scenari drammatici di guerra in Libia: “Truppe speciali, il grande Risiko”. Al contempo le cose pare si evolvano in maniera più ottimista per i curdi. Un reportage a firma di Lucia Sgueglia da Mosca indica: “Nell’ambasciata curda di Mosca, qui lavoriamo per un nostro Stato. In Russia la prima sede del Kurdistan siriano: Putin è con noi”.

Chiudiamo la rassegna con tre notizie stracciate da Torino, che commentiamo appena. La prima è lapidaria e la troviamo su La Stampa: “All’assemblea della Caritas Nosiglia chiede più attenzione per i deboli anche nelle manifestazioni. L’arcivescovo e la cultura, portatela anche in periferia”. Poi una novità: ricordate che GTT ha dichiarato che rimborserà i biglietti ai passeggeri in caso di ritardo dei propri mezzi, ora scopriamo dove stava il trucco. Ci illumina sul rimborso La Stampa di lunedì 7 marzo: “Bus in città, il vero problema sono quelli in anticipo”. Quindi sappiate che non sono mai i pullman ad essere in ritardo, ma i passeggeri.

Infine un insegnamento giunge dalla Valle di Susa, dove un accordo stipulato tra 20 comuni e la Prefettura apre ai migranti in valle: “La Valle che si oppone al super treno si apre per accogliere i migranti”. Ancora una volta la Valle montana insegna qualcosa a tutti.

Per questa settimana è tutto (o quasi).

ARRIVEDERCI a MARTEDI’ 15 MARZO 2016 (ore 18,30 - 20,00) su Torinow. Ci vediamo con Massimo Tadorni (conduttore), Diego Giacobbi (esperto in telefilm), oltre naturalmente il sottoscritto, Juri Bossuto.

Pubblicato in Senza categoria | Nessun commento »

Praticamente: scandalo in Procura, Ma(n)gone contro il Lombroso, cubetti di ghiaccio e frontiere bollenti

Scritto da juribossuto.it il 7 marzo 2016

PRATICAMENTE CARTA STRACCIA

(01 MARZO 2016)

QUATTORDICESIMA RASSEGNA stampa (Indipendente) di “Praticamente

(Torinow - canale 18 e 199).

Le notizie commentate martedì sera sono state tantissime. Alcune le ripresentiamo qui, in una breve sintesi che racchiude quelle più “incredibili”

Riprende la rassegna degli articoli che forse, ma forse no, vi sono sfuggiti oppure che avete  Sottovalutato.

Iniziamo con alcune “situazioni” Torinesi.

La Stampa di giovedì 25 febbraio, nella cronaca locale, riporta: “La procura chiude l’inchiesta, sette indagati. Si faceva pagare per occultare i fascicoli. Cancelliere infedele verso il processo. Coinvolti anche due avvocati tra cui un noto penalista”. Il meccanismo è relativamente semplice: un cancelliere intascava sino a 1500 € al mese per favorire imprenditori ed amici nei guai con la giustizia; bastava infilare il fascicolo interessato al fondo della pila. Sulla stessa pagina, cambiando argomento, apprendiamo che il tribunale ha prosciolto madre e figlio per il furto di un’insalata: notizia che si commenta da sola.

Ancora cronaca torinese in una polemica che ha dell’assurdo: “Scoppia la polemica in Comune e in Regione. Lombroso, il convegno sul libro contro il museo divide gli accessori”. In Regione verrà presto presentato un libro che propone di chiudere, ossia radere al suolo, il museo di Lombroso: museo che, per chi non lo sapesse, è da sempre su posizioni critiche nei confronti delle teorie dell’antropologo criminale (il quale aveva, nel tempo, preso le distanze da se stesso). Turba il fatto che tra gli ospiti al convegno c’è addirittura un assessore comunale: Domenico Mangone.

Se volete farvi un cocktail, trattando di notizie che vanno oltre la città, La Stampa ci informa che su Plutone avviene un fenomeno fisico a dir poco curioso: “Fantastico Plutone. I vulcani sono ghiaccio bollente”. Insomma il paradiso di ogni barman che si rispetti poiché, si ritiene, questi eruttino cubetti di ghiaccio.

Passando alle notizie degli Interni, fa discutere l’intervista pubblicata da Il Fatto Quotidiano. Il dialogo è tra il giornalista e Carlo Freccero: “Chi resiste al premier viene picchiato. Pericolo Renzi al Tg3, ma l’informazione Rai va cambiata e presto”. Carlo Tecce interroga Freccero dopo l’intervento senza veli che lo stesso ha rilasciato dai microfoni dell’emittente Radio Onda Rossa di Roma.

Per quanto riguarda i paradossi ce n’è uno che regna sovrano e che ha fatto anche sorridere i giornalisti esteri durante una recente conferenza stampa tenuta da Renzi: “Il premier ha annunciato alla stampa estera che i cantieri sull’autostrada saranno chiusi prima di Natale (…) Si è accorciata la Salerno Reggio”. E’ questo probabilmente l’escamotage che consente al premier di chiudere anticipatamente gli “antichi” cantieri: un taglio di circa 16 chilometri di nuove strade ed un ponte (però) dalle altezze improbabili.

Più nutrita la parte dedicata agli Esteri. Rimane alta l’attenzione degli italiani in merito all’intercettazione che la Casa Bianca ha deciso ai danni di Berlusconi. Renzi, a nome di tutto il Paese, ha protestato presso il Presidente Obama e La Stampa ne riporta gli effetti: “Washington liquida Renzi. Noi intercettiamo che ci pare”.

Un’altra notizia dagli Stati Uniti. Giovedì 18 febbraio un articolo di La Repubblica regala, ai lettori, il quadro del confine che separa gli States dal Messico. Una frontiera lunga 3140 km, attraversata annualmente da 500 mila clandestini; sono invece ventimila le guardie di frontiera ed è di 1000 km il muro, già esistente, che divide gli Stati Uniti dai messicani.

Sempre La Repubblica, a qualche anno dai fatti di piazza Majdan, impagina un articolo incentrato sull’Ucraina di oggi. Il reportage ha un titolo che si presenta quale vera sintesi del tutto: “Due anni fa piazza Majdan era il simbolo della rivolta contro Putin. Parlano i protagonisti. I ragazzi di Kiev, addio sogni di libertà. La nostra rivoluzione non ha cambiato nulla”. L’articolo si affaccia sulle speranze tradite di quella rivoluzione filo occidentale ed analizza i movimenti nazionalisti, di estrema destra, che da quei giorni di piazza caratterizzano la politica ucraina. Invece tocca a Il Manifesto dare una notizia che gli altri giornali non riportano assolutamente: “Malgrado la tregua in Siria proseguono i raid dei jet turchi contro i curdi. Il califfo alle porte di Baghdad”. Una notozia che gli altri quotidiani sembrano voler ignorare scientemente.

Curiosa, invece, la notizia apparsa su La Stampa di venerdì 19 febbraio: “Polonia accuse a Lech Walesa. Collaborava con gli 007 sovietici”. Continua l’occhiello: “Alcuni documenti inchioderebbero l’eroe di Solidarnosc: durante il comunismo era un informatore dei servizi segreti. Lui si difende: tutte bugie lo dimostrerò”.

Infine dalla Francia un resoconto interessante sulle piattaforme di ricerca lavoro: “Lavoro in 13 giorni, così il web batte il collocamento. Il successo in Francia di Le Bon Coin. Un modello anche per l’Italia”. Sono 200 mila le offerte di lavoro inserite ogni mese sul sito francese e, in media, bastano non più di 13 giorni per trovare il candidato giusto al posto giusto.

Per questa settimana è tutto (o quasi).

ARRIVEDERCI a MARTEDI’ 08 MARZO 2016 (ore 18,30 - 20,00) su Torinow. Ci vediamo con Massimo Tadorni (conduttore), Diego Giacobbi (esperto in telefilm), oltre naturalmente il sottoscritto, Juri Bossuto.

BUONA FESTA DELLE DONNE

Pubblicato in Senza categoria | Nessun commento »

 

Bad Behavior has blocked 213 access attempts in the last 7 days.

Usiamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione nel nostro sito web.
Ok