CARTA STRACCIA in POLITIKA – Il blog di JURI Bossuto

Archivi per la categoria 'Diritti' Categoria


Marcia dal “sapore” neo fascista verso la Sacra di San Michele: lettera al Prefetto.

Scritto da juribossuto.it il 29 settembre 2009

Illustrissimo Signor Prefetto, sottopongo alla Sua attenzione questa mia, poiché seriamente preoccupato dalle motivazioni che sono alle origini dell’evento che si svolgerà il prossimo 2 ottobre presso la Sacra di San Michele. L’evento a cui mi riferisco riguarda la salita notturna all’Abbazia di San Michele della Chiusa, promossa dall’Associazione “Centro Studi l’Araldo” nella data del 2 ottobre prossimo: una marcia che celebra il giorno dedicato agli Arcangeli e che fu scelto, quale data e ricorrenza, dal Capitano Corneliu Zelea Condreanu. Il Capitano Corneliu Zelea Condreanu è una figura quasi macabra che in Romania evoca, ancor oggi, nefasti ricordi antisemiti. Egli si poneva  a capo della”Guardia di Ferro” : una sorta di milizia xenofoba molto vicina, per alcuni versi, alle posizioni hitleriane, con cui ebbe più di un contatto politico. Oggi in Romania il movimento di Corneliu è dichiarato fuori legge nonché anticostituzionale a causa delle tesi che propugna. La stessa organizzazione che organizza l’evento celebrativo del 2 ottobre, associazione “centro Studi Araldo”, si pone da sempre quale riferimento culturale della fitta costellazione neo fascista italiana: fatto verificabile dall’analisi dei convegni dalla stessa associazione organizzati negli anni, in cui ha dato voce a personaggi inquisiti e condannati, con sentenza definitiva, per azioni terroristiche commesse sotto le bandiere dei NAR (Nuclei Armati Rivoluzionari). E’ lontana da me ogni ipotesi dal sapore censorio, ma credo comunque che un atto vada compiuto per impedire quella che, sempre più, appare un’adunanza xenofoba e dalle spiccate nostalgie nazionalsocialiste. Mi ritengo inoltre preoccupato per l’immagine in cui cadrebbe la Sacra di San Michele, che ricordo essere il monumento simbolo della regione Piemonte, nonché per il messaggio politico culturale che da questa sembrerebbe essere lanciato ai piemontesi; preoccupazioni confluenti, inoltre, nei timori per eventuali conseguenze di ordine pubblico. Confidando in un Suo idoneo intervento in merito, colgo l’occasione per inviare cordiali saluti.   

Pubblicato in Diritti | Nessun commento »

Abolita l’antica norma che tutelava i cittadini dagli abusi di potere pubblico.

Scritto da juribossuto.it il 29 settembre 2009

ORDINE DEL GIORNO

OGGETTO: abrogazione dell’art. 4 del decreto legislativo luogotenenziale n. 288 del 14 settembre 1944.  

Premesso che: ·        recentemente, tramite l’istituto del voto di fiducia, il Senato della Repubblica Italiana ha abrogato l’art. 4 del decreto legislativo luogotenenziale n. 288 del 14 settembre 1944; ·        l’articolo abrogato prevedeva che i cittadini sono esenti da sanzioni “quando il Pubblico Ufficiale o incaricato di Pubblico Servizio ovvero il Pubblico Impiegato abbia causato la reazione dei cittadini eccedendo con atti arbitrari i limiti delle sue attribuzioni”; ·        l’art. 4 del decreto legislativo luogotenenziale n. 288 del 14 settembre 1944 era di fatto un’esimente infatti nei casi previsti dal medesimo, ossia cittadino che agisca in modo penalmente rilvante in seguito ad arbitri da parte di personale pubblico, non si applicano in capo al soggetto dante causa le disposizioni dell’articolo 337 e 339 c.p.; ·        si assiste nel silenzio assoluto dei mass media, ad un lento ed inesorabile erodere del sistema giuridico di garanzia, ed a salvaguardia, dei cittadini innanzi ad eventuali soprusi attuati dal potere pubblico.                   

Il Consiglio regionale, impegna la Giunta:

 ·        a manifestare, nelle opportune sedi istituzionali, la propria contrarietà nei confronti dell’abrogazione dell’art. 4 del decreto legislativo luogotenenziale n. 288 del 14 settembre 1944; ·       

.         a formalizzare presso la conferenza Stato – Regioni la richiesta di iniziative comuni atte al ripristino della norma abrogata, auspicando la direzione che porti ad una riforma diritto penale di maggior tutela verso chi, nei limiti dei principi costituzionali, manifesti adeguatamente il suo dissenso verso l’operato politico di governi ed amministrazioni locali.

     

Pubblicato in Diritti | Nessun commento »

Ancora Ferragosto in carcere: nel dettaglio di Biella ed Ivrea.

Scritto da juribossuto.it il 16 agosto 2009

Il Consigliere Bossuto, insieme alla militante Radicale Jolanda Casigliani, si è recato nella giornata di Ferragosto negli istituti penitenziari di Biella ed Ivrea, aderendo in tal modo alla giornata “Ferragosto in carcere” indetta dal Comitato Radicale Nazionale.“La giornata di Ferragosto ha offerto l’opportunità di recarci in una giornata calda, e di desolazione nelle principali città piemontesi, all’interno di due istituti carcerari, con lo scopo di osservare lo stato di “salute” in cui gli stessi versano, nonché le condizioni di vita dei detenuti, in essi ospitati, e degli agenti di polizia penitenziaria che operano nei medesimi”.“Pur trovandoci, sia  a Biella che ad Ivrea, in situazioni di non grave allarme per quanto concerne l’oramai usuale sovraffollamento carcerario, purtroppo abbiamo constatato che anche in tali realtà l’uso originariamente singolo delle celle si è lentamente trasformato in aree di detenzione destinate a due detenuti, non garantendo così i sette metri quadri a persona.”

“Si è potuto osservare, inoltre, la carenza grave di fondi in capo alle case di reclusione, un taglio tale da non potere più fornire, agli ospiti, carta igienica e strumenti destinati alla pulizia delle celle. Anche i farmaci pare scarseggino così come il sostegno psicologico ai detenuti che ne necessitino. A questo si aggiunge la scarsa presenza di educatori e di attività giornaliera indirizzata alla lotta contro la forzata inedia, ed a favore dell’inserimento sociale (come rilevato specialmente a Biella, mentre ad Ivrea un laboratorio tipografico offre buone possibilità di attività diurna)”.

“Ambedue le visite sono state caratterizzate da episodi di “battitura”, ossia una forma pacifica di protesta indetta dai detenuti, consistente nel battere una contro l’altra pentole ed altri oggetti metallici. Un clima che ha ben evidenziato le condizioni di stress in cui operano gli agenti di polizia penitenziaria. Un’attività di per sé complessa, resa ancor più difficile dal sotto organico perenne  unito all’assenza di fondi che si concretizza in mancati pagamenti salariali e il  quasi “fai da te” nel comporre il proprio vestiario: condizioni oggettivamente impossibili che sembrano peggiorare di giorno in giorno”.“Noi speriamo che  esperienze come quella di Ferragosto portino presto parlamentari e opinione pubblica a meditare meglio in merito a concetti quali “sicurezza” e “pena carceraria”: concetti sempre ricchi di demagogia e sempre slegati da ogni visione sociale e concreta; concetti che nulla hanno a che fare con la difficile realtà che  circonda quotidianamente il mondo carcerario e giudiziario (come sembra insegnare anche la “non gestione” della Cassa Ammende).”  

Pubblicato in Diritti | Nessun commento »

Cambia il regolamento consiliare in Regione: i miei dubbi.

Scritto da juribossuto.it il 26 luglio 2009

Ho espresso, in modo non convinto, il mio voto favorevole alla revisione del regolamento consigliare per spirito di maggioranza e lealtà verso il gruppo. Permangono però i miei dubbi, malgrado l’accoglimento dei molti emendamenti da noi proposti.Ogni paragone tra il dibattito assembleare regionale e quello parlamentare risulta complesso perché sono molto differenti le procedure con cui si arrivare a varare una legge. Il Parlamento ha un sistema di rilettura che porta a ben quattro volte l’esame dei testo di legge, cosa non riscontrabile in regione. Limitare quindi il confronto in aula, nel nome di una presunta accelerazione di approvazione dei provvedimenti, può rilevarsi un grave errore, non solo nei confronti del rispetto democratico dell’assemblea, ma anche nei riguardi della qualità dei testi al vaglio.Occorre in merito ricordare gli ostruzionismi “buoni” (di merito) di cui furono alfieri in passato compagni quali Contu, Papandrea, Cavaliere, Chiezzi e Moriconi, per portare all’attenzione pubblica le legittime battaglie politiche tendenti a limitare danni concreti sulla testa di molti piemontesi. Si trattava di azioni ben diverse da quelle di ostruzionismo “particolaristico” che hanno caratterizzato questa legislatura.  Inquieta che proprio questi ultimi abbiamo legittimato la stretta – poiché di questo trattasi – che oggi abbiamo approvato. L’unico augurio che posso fare è che in futuro qualche nostro compagno, neo-eletto in Consiglio Regionale, non debba trovarsi a “maledire” il nostro voto odierno. 

Pubblicato in Diritti | Nessun commento »

Operazione polizia G8 Università: uno spot per il governo.

Scritto da juribossuto.it il 9 luglio 2009

Stupore e preoccupazione per l’operazione giudiziaria di questa mattina nei confronti dei manifestanti anti G8 dell’Università che sembra fornire soprattutto un alibi ad un Governo in profonda crisi di consenso alla vigilia del G8 de L’Aquila.La fragilità della situazione politica attuale vede un Premier allestire un G8 d’immagine in zone del Paese che ben di altro necessiterebbero. In questa inchiesta nazionale si può rilevare quasi un teorema di vecchio stile, idoneo a distrarre l’opinione pubblica e, cosa più grave, a collaudare nuove ed inquietanti pratiche repressive, forse legate ad un segnale aggiuntivo che si vuole offrire pochi giorni dopo l’approvazione del pacchetto sicurezza.

Pare eccessivo ciò che è avvenuto oggi, pare assurdo che una manifestazione studentesca, seppur segnata da momenti di contrasto con le Forze dell’Ordine, venga definita dal Procuratore Caselli come “una manifestazione con canoni paramilitari” e porti ad un rastrellamento di questo tipo.A pensare male, queste pratiche fanno venire alla mente periodi bui del nostro recente passato. 

Pubblicato in Diritti | Nessun commento »

Dormitori: ipotesi di chiusura strada Castello Mirafiori.

Scritto da juribossuto.it il 5 luglio 2009

OGGETTO: chiusura dormitorio di Strada Castello di Mirafiori, Torino. 

Premesso che:

-a fine aprile, il comune di Torino ha deciso unilateralmente di chiudere il dormitorio di Strada Castello di Mirafiori (24 posti letto) e di altre strutture più piccole;

-tale decisioone porterà ad una perdita complessiva di circa 50 posti letto e di una decina di posti di lavoro. La scelta è stata motivata come una taglio doloroso, ma “NECESSARIO”, dovuto al bilancio in rosso del comune stesso;

-si ritiene la scelta in oggetto grave, poiché la partita in gioco comprende orizzonti ben più vasti, che coinvolgono il panorama del sociale a Torino, e, nello specifico, le politiche di Bassa Soglia e di Riduzione del Danno;

-gli effetti degli impegni finanziari olimpici, uniti alla crisi economica non devono essere sempre pagate dai cittadini, riducendo i servizi, e dai lavoratori meno garantiti.  

  INTERROGA

la Giunta regionale,

per sapere: 

  • quali misure alternative possa adottare per porre rimedio alle conseguenze sociali derivanti dai tagli che il Comune di Torino, così come altri enti in Piemonte, sta realizzando nelle politiche riguardanti il welfare;
  • se è ipotizzabile, in seguito alla decisione in oggetto, una riduzione dei trasferimenti regionali, quali ad esempio i fondi destinati al contrasto dell’emarginazione, diretti al comune di Torino; cosicché indirizzare gli stessi contributi alle realtà virtuose che tenacemente non arretrano nella lotta alle povertà.

        

Pubblicato in Diritti | Nessun commento »

Chiude d’autorità l’ateneo torinese, per timore dei black: ma feve furb!

Scritto da juribossuto.it il 17 maggio 2009

La scelta del rettore di chiudere Palazzo Nuovo per diversi giorni è assolutamente grave, insensata ed inopportuna.
Da una parte si interrompe un servizio pubblico: gli studenti sono costretti a rinviare esami e lezioni programmate da tempo; i docenti, le segreterie e il personale tecnico vedono imporsi una sosta forzata, assolutamente non concordata e in alcuni casi anche non retribuita.
Dall’altra la decisione è insensata e pericolosa perché, con la scusa della prevenzione, si cerca in ogni modo di ostacolare le numerose pacifiche iniziative di protesta, come il Turin Sherwood Camp, che da mesi collettivi di studenti stanno mettendo in piedi per porre all’attenzione pubblica un’altra idea di università rispetto a quella dei rettori.
Inoltre  vi è il rischio che la chiusura possa creare esattamente l’effetto opposto: abbiamo già visto nel recente passato che delimitare zone rosse o aree invalicabili produca risultati piuttosto negativi.

Insomma, i rettori sebrano voler imitare coloro che tengono, purtroppo, in mano i nostri destini: un’imitazione pericolosa nelle premesse e nei metodi. Per farli tornare alla realtà basterebbe gridare, loro, un bel: “MA FEVE FURB!” (fatevi furbi). Uno slogan che potrebbe aver la capacità di riportare i magnifici al loro ruolo di salvaguardia nei confronti di studenti, studio, sapere, università.

Un grido, MA FEVE FURB, di ritorno alla realtà!!

Pubblicato in Diritti | Nessun commento »

Scontri all’Università di Torino: gli atenei devono essere aree libere da uso armi!

Scritto da juribossuto.it il 10 marzo 2009

Nella mattinata del 9 marzo nella sede delle facoltà umanistiche dell’Università di Torino, presso Palazzo Nuovo, veniva allestito un banchetto di raccolta firme e propaganda da parte della forza politica FUAN; considerato che:un nutrito gruppo di studenti presidiava l’area intorno al banchetto FUAN, poiché ritenevano quella forza politica vicina ad idelogie di matrice fascista, attivando una democratica contestazione;preso atto che:le forze di polizia sono entrate nell’edificio universitario, dove la tensione in seguito aumentava, mettendo in atto ripetute “cariche” di sgombero, (o alleggerimento), cariche che hanno causato numerosi feriti tra gli universitari contestatori e le forze dell’ordine stesse;considerato ancora che: in seguito alle suddette cariche sono stati prodotti tre fermi di polizia tra i giovani della sinistra, di cui uno tramutato in arresto, evidenziando così un preoccupante clima repressivo nell’università come oramai nella società stessa, come dimostrato le numerose cariche effettuate ai danni dei lavoratori nelle scorse settimane.

                  Il Consiglio regionale,

 ESPRIME: 

·        piena solidarietà a tutti coloro che hanno riportato ferite in seguito agli eventi elencati in narrativa,  lavoratori di polizia e studenti;

 

·        viva preoccupazione per gli eventi accaduti, considerando che l’Università deve essere luogo di libera circolazione di sapere ed idee, ed in cui ogni opinione, non legata all’apologia di fascismo e nazismo, deve poter trovare casa: in un clima dove dovrebbe essere bandito l’ingresso a qualsiasi arma, da qualsiasi persona portata.

 

           

Pubblicato in Diritti | Nessun commento »

Se si perde la chiave della cassaforte, come si esce dalla stessa?

Scritto da juribossuto.it il 8 febbraio 2009

 Quando ci si chiude in cassaforte è importante avere con sé la combinazione per uscirne quando si vuole. Può capitare che si chiuda la porta blindata alle spalle, magari in seguito ad un attacco di panico, e poi si scopra di non avere a portata di mano la chiave per tornare alla libertà: in questo caso o arrivano i fabbri o si rischia la morte per asfissia, per entropia. In Italia noi ci stiamo chiudendo nella camera blindata, a presunta prova di scasso, senza verificare l’esistenza di una via di uscita, una fuga di emergenza. Il pacchetto sicurezza al varo del Parlamento regala l’idea di protezione, ma senza avere negli optional antidoti funzionali nel caso il sistema impazzisca.Certo l’opinione pubblica, stimolata a dovere con maestria da politici molto più bravi di noi a sinistra, può dichiararsi soddisfatta, ma cosa può accadere cittadino per cittadino. Nei secoli scorsi il controllo sociale era affidato a carceri disumane e presenza militarizzata delle forze dell’ordine nelle città. Malgrado ciò la delinquenza non diminuiva, anzi, vivevano solo peggio le persone: i controllati come i controllori. Sono modificando alcune condizioni di equità tra le classi, si è giunti ad una relativa sicurezza generale.Il ritorno al passato non curerà il male, molto meno acuto di come viene raccontato, nelle nostre metropoli, ma aprirà ferite nel corpo delle nostre comunità umane difficilmente curabili e pesanti negli effetti a lungo- medio periodo.Pensateci tutti. Un quadro fatto di immigrati irregolari, comodi all’industria ed ai caporali, che continueranno a fare affari, i quali malati non andranno a farsi curare per paura della denuncia a cui si vincola il medico, andando così a morire nelle cantine, nei sotterranei cittadini e trasmettendo probabilmente ceppi virali a chi incontreranno senza sapere neppure di esserne vittima.Al contempo le ronde, spesso composte da cittadini con voglia di “fare” magari anche per apparire e scaricare le frustrazioni dovute ai capo ufficio, si prenderanno cura delle nostre strade: fermando giovani sospetti per gli abiti o perché gioiosi disturbatori su pubbliche panchine. I guardiani della rivoluzione neo fascista interverranno, ma come? Allontanando, strattonando, facendo scappare uno schiaffo o un pugno? Come interverranno, e quale dei vostri figli sarà la prima vittima della presunta sicurezza?Temo che ne riparleremo presto. Temo però che quando cercheremo la chiave per uscirne, potremo inciampare su stivali neri e fez: il nuovo look a protezione dalle misure per la sicurezza. Così la cassaforte sarà la nostra tomba, anche senza decreti fuorilegge firmati da Berlusconi diretti ad assicurare la Chiesa sul fatto che non trattasi di eutanasia, ma solo strage ai danni della libertà.    

Pubblicato in Diritti | Nessun commento »

Mutui e precarietà: intervento in aula martedì 18 nov.

Scritto da juribossuto.it il 27 novembre 2008

  Abbiamo letto sui giornali di oggi del problema che scuote il mondo delle cooperative, che vedono parecchi posti a rischio, con l’alternativa di ridurre un po’ il lavoro per ognuno di loro e, conseguentemente, anche lo stipendio, che già non è dei più elevati. Credo che il quadro che si delineerà - come risposta utile, giusta e anche come prospettiva - sia un quadro che vada tenuto sotto controllo continuamente, perché i dati che passano sotto i nostri occhi si modificano in una maniera piuttosto rapida e anche sorprendente.Ho scoperto (faccio un po’ di campanilismo) che in un territorio come quello dove abito io, che è Mirafiori nord, la Parrocchia e la Caritas aiutano 1.500 famiglie su 5.500. È un dato che mi ha strabiliato nel momento in cui lo riportavano, ma ha strabiliato anche coloro che hanno tirato giù dei conti, qualche sera fa, per arrivare a quel dato. Anche loro sono rimasti increduli.Queste sono famiglie che spesso non sono aiutate dai servizi sociali, oppure, se sono aiutate, è solamente in maniera non globale, in quanto le famiglie non riescono a soddisfare tutte le esigenze. Sono famiglie che si aggiungono a tante altre che non chiedono nulla, perché sono sicuro che se giriamo un po’ per i nostri territori scopriamo che, a fronte di 1.800 famiglie che chiedono aiuto, lo ripeto ancora una volta, ne abbiamo almeno 300 che non chiedono, che arrancano, che fanno fatica perché non è nella loro cultura chiedere. Magari perché non sanno come chiedere, non sanno dove chiedere. Perché dico che vanno monitorati i dati? Perché alcuni campanelli di allarme, purtroppo, li abbiamo già avuti in passato. La Giunta li ha accolti bene ma non sempre; purtroppo, lo abbiamo fatto anche noi.Li abbiamo avuti quando le statistiche del 2006 ci dicevano che ogni anno, in Piemonte, si prospettavano centomila posti di lavoro nuovi. Noi abbiamo raccolto un dato secondo cui il 10% erano posti di un giorno. Quindi dieci posti di un giorno per dieci contratti, per dieci posti di lavoro. Sono dati reperibili, non me li sto inventando in questo momento. Basta consultare l’Osservatorio del lavoro, basta andare sul sito della Provincia di Torino per scoprire quei dati. Pensate che reddito può comportare il lavorare un giorno ogni tanto per una persona. Non è alto!Un altro dato - lo ripeto per la seconda volta perché l’ho già detto in un altro Consiglio - è quello degli alloggi vuoti solo nel Comune di Torino. Alloggi vuoti consegnati alle banche; alloggi vuoti di famiglie che non sono riuscite ad onorare i mutui che erano (lo ripeto ancora e non mi stancherò mai di ripeterlo) 13 mila nel 2005. Non ho più avuto aggiornamenti, purtroppo, perché nessuno ci ha più fornito aggiornamenti, non da parte della Giunta perché questi sono dati che dovrebbe darci l’ABI, o la Commissione di emergenza abitativa del Comune di Torino, che ogni settimana va ad incrementare i numeri di casi di persone che non riescono più a far fronte agli affitti e ai mutui.Dobbiamo tentare di capire cosa è avvenuto, dobbiamo tentare di capire cosa è stato questo tracollo, che non è solo una bolla finanziaria, ma un sistema culturale che non ha aiutato e che spesso ha permesso di far piovere sul bagnato. Non voglio fare il profeta di sventura, perché sono i dati a dircelo. Siamo di fronte ad un’emergenza che il Pubblico non sempre è attrezzato per affrontare. Il fatto che debba intervenire il Banco alimentare o la Parrocchia di zona per far fronte a queste richieste è un dato a mio giudizio grave. Questo vuol dire che non bastano i soldi che abbiamo dato, e sono tanti, e che l’Assessore bene ha evidenziato, ma vuol dire che c’è una richiesta a cui non si dà risposta non per colpa nostra ma per colpa di una serie di misure complessive che ci sono sfuggite di mano.Forse non abbiamo tenuto conto di tutto. Non abbiamo tenuto conto del fatto che mentre alcune banche lavorano in un certo modo, altre provano ad inventarsi il microcredito, a favore di chi ha idee ma non soldi. I Governi si sono tolti gli strumenti addossando queste responsabilità all’Europa, a misure europee. Temo che la volontà implicita in questa scelta, magari un po’ nascosta, fosse un credo comune, quello del mercato che regolava tutto all’insegna di un liberismo sfrenato che ha sfiorato anche consistenti settori della sinistra. Dicevo prima che si sono tagliati le unghie e le mani, ma occorre dare un minimo di regia pubblica a quello che il mondo economico finanziario e dell’assistenza stanno facendo.Quindi, quando si dice che occorre fare qualcosa, non si fa altro che guardare a Paesi poco distanti e non rivoluzionari come la Spagna, dove si aiutano i disoccupati non sotto forma di assistenzialismo. È logico che se io vado ad offrire il lavoro… In passato era così, in passato il lavoro forzato nei campi di lavoro, quindi nelle colonie carcerarie, era concorrenziale al lavoro libero, ossia, per alcuni lavoratori era più utile lavorare nelle patrie galere che fuori, perché le condizioni delle carceri erano migliori di quelle del libero mercato del lavoro. Pensate, parliamo di 80 anni fa!Occorre in qualche modo rivedere o costruire il welfare della Regione Piemonte. Occorre rivedere tutto e metterci gli occhiali, che sono quelli dell’attualità, non quelli delle ideologie, perché non siamo noi gli ideologi e coloro che fanno sempre riferimento all’ideologia, ma forse altri settori. Infine - il mio intervento non è stato breve come avevo preannunciato - ricordo che gli immigrati sono i primi a cadere, perché, man mano che le industrie chiudono, naturalmente, licenziano gli immigrati, che, grazie alla legge Bossi-Fini, il giorno dopo, prendono armi e bagagli per tornarsene a casa. Pertanto, non è alimentando la guerra tra i deboli che si risolvono questi duri momenti di crisi.   

Pubblicato in Diritti | Nessun commento »

 

Bad Behavior has blocked 252 access attempts in the last 7 days.

Usiamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione nel nostro sito web.
Ok