CARTA STRACCIA – Il blog di Juri Bossuto

Democrazia non significa sdoganare le nostalgie fasciste!

“A Torino la fiaccolata di una quarantina di militanti di Casa Pound ha dimostrato come la scelta squisitamente politica - purtroppo sostenuta anche dai DS dell’epoca oggi PD – di commemorare le foibe il 10 febbraio è stata un’operazione storicamente debole. Poiché non solo non ha approfondito che cosa sono state realmente le foibe (dentro vi sono finite le varie componenti politiche incluse quelle comuniste), ma ha dato al contempo l’alibi a gruppi neo-fascisti di avere una giornata dedicata a loro in cui poter scendere in piazza con i loro vessilli indisturbati”.

“Esprimo quindi profonda preoccupazione per la seppur piccola fiaccolata tenutasi in Piazza Cirene a Torino, preoccupazione ancor più rafforzata dalla presenza tra le file di militanti di estrema destra di oggetti offensivi e contendenti”.

“Democrazia non credo certo significhi sdoganare le nostalgie fasciste dalla sconfitta in cui la Resistenza le mise.  

9 Febbraio 2010 Scritto da juribossuto.it | Carta straccia: appunti vari | | 2 commenti

APPELLO ALLA GIUNTA DI PREDAPPIO

Una settimana fa, circa, il comune di Predappio (giunta di centrosinistra) ha partorito l’idea di rivalutare, tramite iniziative pubbliche,lo stile architettonico razionalista mussoliniano. Alla proposta hanno aderito, immediatamente, comuni di varia tendenza politica, aventi la caratteristica di essere stati fondati da Mussolini o di aver dallo stesso ricevuto un’impronta razionalista.

L’iniziativa credo desti in molti italiani una profonda preoccupazione: quella che a piccoli passi uniti a larghe concessioni, si giunga alla piena riabilitazione del periodo storico fascista.

Da tempo assistiamo, infatti, a continui organizzati attacchi alla Costituzione repubblicana, a cui si affiancano quelli diretti alle forze sindacali ed alle organizzazioni democratiche. Si accentuano poteri esecutivi, si liquidano i partiti fastidiosi tramite continue modifiche alle varie leggi elettorali ed, infine, si rivaluta il “buon” fascismo (ma quale?).

Mi appello, allora, a tutti i democratici per fermare questa pesante deriva, e quindi l’iniziativa di cui sopra. Non occorre scandalizzarsi davanti a campagne elettorali comunali che, magari con poca sensibilità, fanno leva sull’immagine di una donna seminuda (lo dico ai consiglieri comunali di Torino), per richiamare l’attenzione dei cittadini. Occorre invece non lasciare gli stessi nell’oblio, magari ricordando ciò che regimi totalitari possono fare alla collettività, e come sia poi difficile scrollarseli da dosso.

L’architettura fascista ha fatto spesso tabula rasa di storia antica ed importanti edifici antichi; ha  stravolto Termini (Roma) annientando vecchie vestigia romane, su cui vantava la sua stessa nascita; ha distrutto in Torino l’originale via Roma ed edificato un grattacielo nel nome dell’esaltazione di un regime liberticida: scopi molto lontani dl concetto di urbanistica dal volto umano.

E’ ora di aprire bene gli occhi, guardare alla trappola  che molti, anche a sinistra, stanno costruendo per imprigionare noi tutti.

29 Settembre 2008 Scritto da juribossuto.it | Carta straccia: appunti vari | | Nessun commento

   

Bad Behavior has blocked 52 access attempts in the last 7 days.